Servizio Civile 2016 in Caritas: è uscito il bando!

Il 30 Maggio è uscito il Bando 2016 per il Servizio Civile Nazionale. C'è dunque tempo fino al 30 Giugno per fare domanda. Se hai tra 18 e 28 anni compiuti, contattaci e informati su come vivere un anno del tutto speciale, in cui offrire alla tua vita occasioni di maturazione, nuove prospettive e nuove relazioni. L'Area Giovani e Servizio Civile della Caritas Diocesana mette a disposizione 16 posti su 4 progetti centrati sul servizio alla persona nel disagio e su esperienze di solidarietà, condivisione e pace. I progetti sono svolti in collaborazione con Fondazione Auxilium e Associazione "La Staffetta".

Info:
Area Giovani e Servizio Civile
Via L. Stallo 10 - tel. 010.500.724 - 348.153.00.31
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">

- - - 

> Seguici su FB
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Leggi i racconti di chi sta già facendo servizio civile

- - - 

>> Di seguito, l'abstract dei nostri 4 progetti, subito sotto, la scheda progetto completa.  

I COLORI DEL VENTO. MIGRANTI E ACCOGLIENZA - GENOVA
Il progetto si svolge in partnership con la Fondazione Auxilium - Area Persone Straniere, che accoglie persone rifugiate e richiedenti asilo. I volontari in servizio civile collaboreranno nelle attività di accoglienza e di supporto all’integrazione come l’apprendimento della lingua e l’animazione. Sede operativa: Fondazione Auxilium, Area Persone Straniere, Via Gagliardo 2, zona Di Negro. Posti: 4
 
GLI EQUILIBRISTI. PERSONE SENZA DIMORA - GENOVA
In partnership con la Fondazione Auxilium - Area Persone Senza Dimora, il progetto mira a mettere in contatto i giovani con le persone senza dimora. I volontari in servizio civile collaboreranno nei servizi di mensa, servizio docce e distribuzione indumenti; nel centro diurno che offre compagnia e ascolto; nei servizi alloggiativi e dormitori (ma non in orario notturno); nell’animazione. Sede del servizio operativo: Fondazione Auxilium, Area Persone Senza Dimora, Sal. Nuova N.S. del Monte 2 – Quartiere San Fruttuoso. Posti: 4
 
RELAZIONI VITALI. HIV E ACCOGLIENZA - GENOVA
Il progetto si svolge in partnership con la Fondazione Auxilium - La Palma e Il Mandorlo, case alloggio per persone con Hiv/Aids. Nella struttura sono presenti operatori sociali, personale infermieristico, volontari. I giovani in servizio civile supporteranno gli ospiti in un percorso educativo rispetto alla cura di sé, dall’alimentazione all’attività motoria e all’autonomia e collaboreranno a momenti di animazione, dalle uscite alle attività laboratoriali. Sede del servizio operativo: Fondazione Auxilium, La Palma e il Mandorlo, Via P. Semeria, 54 - Quartiere San Martino. Posti: 4
 
SECONDA STELLA A DESTRA. BAMBINI E FAMIGLIE - GENOVA          

Il progetto si colloca nell’ambito del disagio minorile e della genitorialità fragile nel Centro Storico genovese. In partnership con la Fondazione Auxilium – Comunità Genitore Bambino “Il Cedro” e “Il Mirto” i volontari in servizio civile collaboreranno nei servizi per mamme con bambini (accoglienza, sostegno all’autonomia, supporto alla genitorialità e all’accudimento dei bambini, integrazione sociale e relazionale, animazione, uscite, laboratori). In partnership con l’associazione “La Staffetta”, centro sociale per bambini dai 6 agli 11 anni, i volontari collaboreranno ad attività di accoglienza ed educative (gioco, laboratori, supporto scolastico, uscite sul territorio, animazione nel periodo estivo) e all’integrazione delle famiglie. Sede del servizio operativo (occorre indicare la scelta): Fondazione Auxilium, Comunità Genitore Bambino - Centro Storico. Posti: 2; Associazione La Staffetta, Vico Marinelle 6 - Centro Storico. Posti: 2 

 

 

Friuli, a 40 anni dal terremoto.

  
Il 6 maggio 1976 un sisma di intensità 6.4 della Scala Richter colpì il Friuli (altre scosse si registrarono l'11 e il 15 settembre). Causò 989 morti e 45.000 senza casa. Alla gravità della tragedia, corrispose però una risposta nuova: la prima grande mobilitazione collettiva della Chiesa italiana che portò aiuto attraverso 81 diocesi, coordinate da Caritas Italiana, per un totale di 16.000 volontari. Iniziò così l'esperienza dei gemellaggi tra diocesi italiane e le parrocchie terremotate (asse portante di tutte le emergenze seguenti), con una presenza sui posti prolungata per almeno 5 anni dai fatti del terremoto e rapporti profondi di amicizia e reciproca riconoscenza che durano ancora oggi. Per la Caritas Diocesana di Genova nacque allora lo stretto legame che la lega a Venzone (Udine).

Caritas Italiana, insieme ai membri del Coordinamento nazionale emergenze e ai vescovi delle diocesi che si gemellarono 40 anni fa con i paesi friulani, saranno presenti alle celebrazioni di questo anniversario: alle ore 17 di giovedì 5 maggio è prevista una solenne celebrazione liturgica nel Duomo di Gemona, arcidiocesi di Udine. Venerdì 6 maggio, alle ore 20.30 nella Chiesa di San Michele in Vito d’Asio, diocesi di Concordia-Pordenone, sarà celebrata la Santa Messa in ricordo e suffragio di tutte le vittime del sisma. 

Nella foto: il Card. Giuseppe Siri, Arcivescovo di Genova dal 1946 al 1987, e don Pietro Lupo in rappresentanza della Caritas Diocesana di Genova, nelle zone colpite dal terremoto. Don Lupo (scomparso nel giugno 2015) lasciò in quelle terre un’eredità profonda e alcune comunità friulane, in particolare la Parrocchia di Sant’Andrea di Venzone, mantennero con lui e con Genova stretti rapporti di amicizia. 
 
Approfondisci su caritasitaliana.it

Papa Francesco alle Caritas: "Non stancatevi di essere la carezza misericordiosa del Signore"

A conclusione del 38° Convegno Nazionale delle Caritas Diocesane Italiane, l'udienza con Papa Francesco di Giovedì 21 Aprile.

"Di fronte alle sfide e alle contraddizioni del nostro tempo - ha ricordato Papa Francesco - la Caritas ha il difficile, ma fondamentale compito, di fare in modo che il servizio caritativo diventi impegno di ognuno di noi, cioè che l’intera comunità cristiana diventi soggetto di carità. Ecco quindi l’obiettivo principale del vostro essere e del vostro agire: essere stimolo e anima perché la comunità tutta cresca nella carità e sappia trovare strade sempre nuove per farsi vicina ai più poveri, capace di leggere e affrontare le situazioni che opprimono milioni di fratelli – in Italia, in Europa, nel mondo. In proposito, particolarmente rilevante è il ruolo di promozione e formazione che la Caritas riveste nei confronti delle diverse espressioni del volontariato." 

> Il testo dell'intervento (fonte www.vatican.va - foto: famigliacristiana.it)

La pace di corsa 2016!

700 studenti lo scorso Mercoledì 13 Aprile a Villa Gentile per la sesta edizione de "Pace di Corsa" coordinata dal Laborpace della Caritas e promossa anche a La Spezia e Ventimiglia/Sanremo dalle rispettive Caritas. Una corsa non competitiva che si trasforma in gesto di solidarietà - per ogni giro compiuto dai ragazzi, uno sponsor (familiare, amico e altro donatore) assicura il proprio contributo destinato a sostenere una cooperativa agricola in Costa d'Avorio. Come sempre, la corsa ha concluso un itinerario formativo condotto in questi mesi dal Laborpace in otto scuole genovesi tra primarie e secondarie di primo grado. il tema di questo anno era dedicato alle delle migrazioni e agli incontri nelle classi hanno partecipato anche alcuni ragazzi richiedenti asilo e rifugiati dell'Area Persone Straniere di Auxilium

Grazie a quanti, ancora una volta, hanno reso possibile con noi questa esperienza, in particolare a UISP Comitato di Genova, CSI Genova - Lo sport sotto la Lanterna e i ragazzi in Servizio Civile in Caritas

Leggi l'approfondimento a firma di Luca Franchini (Laborpace).

38° Convegno Caritas Diocesane: misericordiosi come il Padre

Da lunedì 18 a giovedì 21 Aprile 2016 si tiene a Sacrofano (Roma) il 38° Convegno nazionale delle Caritas diocesane. 220 Caritas confrontano il proprio impegno quotidiano con i temi posti dal Giubileo, in particolare con la richiesta di Gesù di essere "misericordiosi come il Padre". I lavori si concludono in Vaticano, con l'udienza di Papa Francesco.

Leggi i contributi on line
18/04/2016
> la Prolusione di S.Em. Card. Francesco Montenegro, presidente di Caritas Italiana
> l'intervento di S.E. Mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana: "Inclusione sociale dei poveri: una priorità"
20/04/2016
> l'intervento di S.Em. Card. Luis Antonio Tagle, presidente di Caritas Internationalis: "Opere di una Misericordia senza confine"
> Sintesi dei tavoli di confronto e orientamenti per un cammino comune (traccia) di don Francesco SODDU, direttore di Caritas Italiana
> RAPPORTO SU ACCOGLIENZA PROFUGHI RETE ECCLESIALE
21/04/2016
> Discorso conclusivo di Papa Francesco
----

Su caritasitaliana.it il programma dei prossimi giorni

Contatti

Via Canneto il Lungo 21/1A, 16123 Genova

Tel 010 2477015/18

Fax 010 2476854

Mail: segreteria@caritasgenova.it

Orario al pubblico: dal lunedì al venerdì ore 9 - 12.30