XXVI Congresso Eucaristico Nazionale. Il coinvolgimento di Caritas e Auxilium

Con il XXVI Congresso Eucaristico Nazionale Genova ha accolto tutta la Chiesa Italiana per tre giorni intensi di celebrazioni, catechesi e adorazione intorno a Gesù Eucarestia, sorgente di missione. Come già annunciato nei post precedenti, anche Caritas Diocesana e Fondazione Auxilium sono state coinvolte nell’accoglienza, in particolare nella giornata di Venerdì 16 Settembre, quanto i 400 delegati del Congresso hanno fatto visita a 46 opere di misericordia della Diocesi: tra queste, l’Area Giovani e Servizio Civile, il Monastero dei Ss. Giacomo e FilippoCasa della Giovane e Vico Untoria. Le visite, compiute a piccoli gruppi, si sono dimostrate stimolanti occasioni di conoscenza reciproca e di comunione e hanno messo in luce la concretezza del rapporto tra fede e carità. 

"Al Campobase 'Don Piero Tubino' - commenta l’Area Giovani e Servizio Civile - la mattinata è trascorsa tra le testimonianze di chi fa vivere questo luogo al servizio dei giovani: le ragazze che vivono l’esperienza della vita comunitaria, i responsabili dell’area, i ragazzi in Servizio Civile e le ragazze che partecipano al progetto E.S.C.A.. La preghiera ha fatto da filo conduttore facendoci riflettere sulle diverse sfaccettature del servizio al prossimo e soprattutto a chi è in difficoltà. Il momento del pranzo ci ha fornito un’ulteriore occasione di confronto e crescita personale condita da convivialità. La giornata si è conclusa con la visita guidata alla struttura che durante l’anno, oltre ad essere luogo di riferimento per i giovani in Servizio Civile, dà la possibilità a gruppi di ragazzi di partecipare a settimane di vita comunitaria."

In occasione del Congresso, alcuni media hanno illustrato la giornata delle visite raccontando l’opera di Caritas e Auxilium e, in particolare, la trasmissione di Rai1 “A Sua Immagine” ha mandato in onda un’intervista a Luigi Borgiani, direttore di Auxilium, al termine della Celebrazione Eucaristica di Piazzale Kennedy

Nella foto in alto, la Colletta Nazionale per le popolazioni colpite dal terremoto del Centro Italia, al termine della Celebrazione Eucaristica conclusiva.

Qui la galleria fotografica sulle visite al Campobase e ai servizi Auxilium.  
 

CEN 2016

 

 

Torna il Progetto AffAmati: diventa volontario e donatore!

 

Come ogni estate, la Caritas di Genova rilancia il Progetto AffAmati per la ricerca di volontari e donatori a favore di mense e centri di distribuzione viveri che durante il periodo estivo, con fatica, garantiscono lapertura, offrendo un pasto al giorno e un buono spesa alle famiglie in situazione disagio.

Come sempre quando si parla di servizio a chi è in difficoltà, non si tratta solo di "garantire una prestazione" e di rispondere ad un bisogno primario come quello alimentare ma di testimoniare presenza, gratuità e disponibilità, specie nel periodo estivo in cui si acuisce la solitudine di chi vive in povertà. Per questo abbiamo chiamato il progetto "AffAmati", gioco di parole che esprime bene questo doppio bisogno di pane e di relazioni quotidiane.   

Puoi dunque partecipare offrendo la tua disponibilità sia come volontario/a che come donatore e donatrice.

- CON 5 EURO garantirai un pasto presso una mensa per persone senza dimora
- CON 10 EURO garantirai un buono spesa a favore di famiglie con bambini
(specificare nella causale dell'offerta: “Progetto Affamati estate 2016”. Per i conti correnti clicca qui)

Per offrire la disponibilità e per ogni altra informazione sono a disposizione i consueti riferimenti di Caritas Diocesana: 
010.247.70.15/18 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

"Siria. La pace è possibile". Caritas Internationalis lancia l'appello al mondo.

Caritas Internationalis, cui aderiscono 165 Caritas nazionali tra cui Caritas Italiana, lancia un appello alla comunità internazionale per la pace in Siria, che in oltre 5 anni ha causato la morte di centinaia di migliaia di morti, quasi 5 milioni di rifugiati e 7/8 milioni di sfollati interni. La Campagna "Siria. La pace è possibile" chiede "che ci si impegni affinché tutte le parti in conflitto si incontrino per trovare una soluzione pacifica, che si assicuri sostegno ai milioni di persone colpite dalla guerra e che sia data speranza a tutti i siriani dentro e fuori dal Paese." Caritas Internationalis invita tutti a moltiplicare la preghiera e gli aiuti umanitari, specie per gli sfollati interni che patiscono le carenze maggiori. Solo lo scorso anno, la rete Caritas ha raggiunto 1,3 milioni di persone: dall'inizio del conflitto ha fornito cibo, assistenza sanitaria, istruzione, alloggio, consulenza, protezione e mezzi di sussistenza agli abitanti della Siria e ai rifugiati nei paesi ospitanti. 

Tutti i contenuti della campagna, che è stata lanciata anche da Papa Francesco con un videomessaggio il 5 luglio scorso, sono reperibili sul sito www.syria.caritas.org.

 

Friuli, a 40 anni dal terremoto.

  
Il 6 maggio 1976 un sisma di intensità 6.4 della Scala Richter colpì il Friuli (altre scosse si registrarono l'11 e il 15 settembre). Causò 989 morti e 45.000 senza casa. Alla gravità della tragedia, corrispose però una risposta nuova: la prima grande mobilitazione collettiva della Chiesa italiana che portò aiuto attraverso 81 diocesi, coordinate da Caritas Italiana, per un totale di 16.000 volontari. Iniziò così l'esperienza dei gemellaggi tra diocesi italiane e le parrocchie terremotate (asse portante di tutte le emergenze seguenti), con una presenza sui posti prolungata per almeno 5 anni dai fatti del terremoto e rapporti profondi di amicizia e reciproca riconoscenza che durano ancora oggi. Per la Caritas Diocesana di Genova nacque allora lo stretto legame che la lega a Venzone (Udine).

LEGGI IL RICORDO DEL PROF. REMO CACITTI > Ascoltando le faglie interiori... A 40 anni dal Friuli.

Nella foto: il Card. Giuseppe Siri, Arcivescovo di Genova dal 1946 al 1987, con Mons. Grone, Remo Cacitti e don Pietro Lupo in rappresentanza della Caritas Diocesana di Genova, nelle zone colpite dal terremoto. Don Lupo (scomparso nel giugno 2015) lasciò in quelle terre un’eredità profonda e alcune comunità friulane, in particolare la Parrocchia di Sant’Andrea di Venzone, mantennero con lui e con Genova stretti rapporti di amicizia. 
  
Approfondisci su caritasitaliana.it

Papa Francesco alle Caritas: "Non stancatevi di essere la carezza misericordiosa del Signore"

A conclusione del 38° Convegno Nazionale delle Caritas Diocesane Italiane, l'udienza con Papa Francesco di Giovedì 21 Aprile.

"Di fronte alle sfide e alle contraddizioni del nostro tempo - ha ricordato Papa Francesco - la Caritas ha il difficile, ma fondamentale compito, di fare in modo che il servizio caritativo diventi impegno di ognuno di noi, cioè che l’intera comunità cristiana diventi soggetto di carità. Ecco quindi l’obiettivo principale del vostro essere e del vostro agire: essere stimolo e anima perché la comunità tutta cresca nella carità e sappia trovare strade sempre nuove per farsi vicina ai più poveri, capace di leggere e affrontare le situazioni che opprimono milioni di fratelli – in Italia, in Europa, nel mondo. In proposito, particolarmente rilevante è il ruolo di promozione e formazione che la Caritas riveste nei confronti delle diverse espressioni del volontariato." 

> Il testo dell'intervento (fonte www.vatican.va - foto: famigliacristiana.it)

La pace di corsa 2016!

700 studenti lo scorso Mercoledì 13 Aprile a Villa Gentile per la sesta edizione de "Pace di Corsa" coordinata dal Laborpace della Caritas e promossa anche a La Spezia e Ventimiglia/Sanremo dalle rispettive Caritas. Una corsa non competitiva che si trasforma in gesto di solidarietà - per ogni giro compiuto dai ragazzi, uno sponsor (familiare, amico e altro donatore) assicura il proprio contributo destinato a sostenere una cooperativa agricola in Costa d'Avorio. Come sempre, la corsa ha concluso un itinerario formativo condotto in questi mesi dal Laborpace in otto scuole genovesi tra primarie e secondarie di primo grado. il tema di questo anno era dedicato alle delle migrazioni e agli incontri nelle classi hanno partecipato anche alcuni ragazzi richiedenti asilo e rifugiati dell'Area Persone Straniere di Auxilium

Grazie a quanti, ancora una volta, hanno reso possibile con noi questa esperienza, in particolare a UISP Comitato di Genova, CSI Genova - Lo sport sotto la Lanterna e i ragazzi in Servizio Civile in Caritas

Leggi l'approfondimento a firma di Luca Franchini (Laborpace).

38° Convegno Caritas Diocesane: misericordiosi come il Padre

Da lunedì 18 a giovedì 21 Aprile 2016 si tiene a Sacrofano (Roma) il 38° Convegno nazionale delle Caritas diocesane. 220 Caritas confrontano il proprio impegno quotidiano con i temi posti dal Giubileo, in particolare con la richiesta di Gesù di essere "misericordiosi come il Padre". I lavori si concludono in Vaticano, con l'udienza di Papa Francesco.

Leggi i contributi on line
18/04/2016
> la Prolusione di S.Em. Card. Francesco Montenegro, presidente di Caritas Italiana
> l'intervento di S.E. Mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana: "Inclusione sociale dei poveri: una priorità"
20/04/2016
> l'intervento di S.Em. Card. Luis Antonio Tagle, presidente di Caritas Internationalis: "Opere di una Misericordia senza confine"
> Sintesi dei tavoli di confronto e orientamenti per un cammino comune (traccia) di don Francesco SODDU, direttore di Caritas Italiana
> RAPPORTO SU ACCOGLIENZA PROFUGHI RETE ECCLESIALE
21/04/2016
> Discorso conclusivo di Papa Francesco
----

Su caritasitaliana.it il programma dei prossimi giorni

Contatti

Via Canneto il Lungo 21/1A, 16123 Genova

Tel 010 2477015/18

Fax 010 2476854

Mail: segreteria@caritasgenova.it

Orario al pubblico: dal lunedì al venerdì ore 9 - 12.30