Facebooktwittermail

ELENCO CENTRI DI ASCOLTO

Istruzioni

  • Per trovare il Centro di Ascolto più vicino: inserisci il numero del quartiere nel campo Cerca
  • Per visualizzare l'orario di apertura del singolo Centro di Ascolto: clicca il pallino verde che trovi prima del nome di ogni quartiere
  • E' possibile inoltre scaricare il file cliccando sui pulsante PDF oppure stamparlo con il pulsante Print
Centri
d'Ascolto
Indirizzo
telefono per
appuntamento
orario apertura del tel. per appuntamenti
orari apertura centri d'Ascolto
S. TeodoroSal. S. Rocco, 283662371547lun. mart. Ven. 15.00-17.00lun. 16.30 - 18.30; merc. 9.30-11.30; ven. 9.30-11.30
OreginaC.so Ugo Bassi (Casa Canonica)010219098Lun e Merc 9.00-11.00 - Giov 16.00-18.00 Lun e Merc 9.00-11.00 - Giov 16.00-18.00
S. SiroPiazz. S. Maria degli Angeli, 13476158327da lunedì a venerdìmerc. 14.30 - 17.00
MaddalenaPiazza della Maddalena, 11/3102474093lun merc 9.30-11.30lun merc 9.30-11.30
CarmineVia Brignole De Ferrari, 3/13298352658tutti i giorni dalle 10.00 alle 12.00giov. 9.30 - 11.00
S. Donato Via S. Donato, 100102468869accesso liberoGiovedi 15.30-18
CastellettoVia Fossato S. Nicolò, 2'0104554476orario di apertura del CdAmerc. e giov. 9.30 - 11.30
Carignano Foce Via della Consolazione 33756149331tutti i giorno 9.00-12.30 e 14.00-18.00lun. e giov. 9.00 - 11.00
AlbaroVia Zara 53 canc.3518034509messaggio in segreteria, si viene richiamatimar e merc. 9.30 - 11.30
S. MartinoVia Vigo 63391831797accesso liberomar. ven. 9.00 - 10.00
S. Fruttuosovia Cellini 263317644884accesso liberoLun 9.00-11.30 - Merc. 15.00-17.00
SampierdarenaCorso Martinetti 12/14 r3485207340tutte le mattine tranne il giovedìsu appuntamento solo per emergenza
CorniglianoParrocchia Coronata Piazza Santuario, 2bis3661597929sempre accesosolo ascolto telefonico
SestriVia Ciro Menotti, 76 r 010604 0097lun. 15.00-17.30; mart. 9.00-11,30solo ascolto telefonico
PegliPiazza S.M. Immacolata, 10106967803sempre aperto, o messaggio in segreterialun e merc. 9.00-12.00; Ven alternati: 9-12 o 15.00-18.00
Voltrivia Giulio Pastore 108 cancello3534057110acceso al mattino da lun. ven.merc. 9.30-11.30
ArenzanoVia S. Pallavicino 333483997153accesso liberoMartedì 9.30-11.30 Giovedì 16-18
CertosaVia S. Bartolomeo, 153917463662da lunedì a venerdì 9.00-17.00solo ascolto telefonico
BegatoVia Albinoni 73336151025da lunedì a venerdì 9.00-17.01solo ascolto telefonico
BolzanetoVia Barchetta, 13924522680acceso mart. e giov. 15.00 - 18.00mart. 15-18 merc. 15-18 giov. 15 18
Maness. S.Olcese Via Poiré, 93 - Manesseno3472457468lunedì ore 14:30/16:00Lunedì 14.30-16.30
Serra RiccòVia F.lli Canepa (adiacente cappella Sacro Cuore)3451880766giovedì 15.30 - 17.30solo ascolto telefonico
PontedecimoVia Meirana, 10010 0946310in orario di aperturaLunedi 15-17.30; Giovedì 9-11.00
CampomoronePiazza Don Verardo, Campomorone3662587813acceso al mattino Martedi e Venerdi 9.30-11.30
Busalla Via Grottin, 49 - Busalla3922073284sempre accesosu appuntamento
GaviVia Mameli, 61 GAVI3517779003sempre accesoviene dato appuntamento telefonico
MarassiPiazza Rosmini 13755589770in orario di apertura e lun-giov 9.30-12.00 Lun Mart Merc 9.30-12; Venerdi 14.30-16.30
StaglienoPasso Ponte Carrega 323481530688/0108352844nelle ore di aperturaLun. e giov., 9.30-11.30; ven. 15-17
MolassanaVia Struppa 1500108680854 - 3245568350Martedi 9-11; Mercoledi 15-17Martedi 9-11; Mercoledi 15-17
Quarto Via Carrara, 260 3714699569liberomart. 17.00- 18.30
NerviVia Sarfatti, 18'0103724495accesso liberomartedì e sabato ore 9.30-11.30
BogliascoPiazza della Chiesa, 1 - Sori0185/700870accesso liberolun. 10-12
Reccoc/o chiesa N.S. del Suffragio3463010253sempre accesoLunedi 9.00-12
Sportello CaritasVico delle Compere 263485207340accesso liberotutti i giorni tranne il giovedì 9.00 - 12.00
Punto Emergenza Pré379 1057817 sempre accesotutti i giorni

 

Nella Diocesi di Genova operano 34 Centri d’Ascolto vicariali. Di essi oltre la metà ha una storia ultraventennale e solo uno è nato negli ultimi 10 anni. Quando si parla di Centri d’Ascolto si intendono esclusivamente quei centri la cui principale attività è l’ascolto delle persone: non sono quindi inclusi i centri di distribuzione, le mense e i dormitori.

Oltre 500 volontari

Nei Centri d’Ascolto operano oltre 500 volontari, due terzi dei quali si dedicano all’ascolto delle persone; gli altri sostengono il lavoro di segreteria e contabilità, i rapporti con le istituzioni e con le parrocchie. Mediamente ogni Centro d’Ascolto ha un’apertura al pubblico di 4 ore settimanali in due diverse giornate. Si calcola che, per ogni ora di ascolto, se ne impieghino almeno altre due per le operazioni di segreteria, esplorazione delle risorse disponibili sul territorio, ricerca di possibili finanziamenti, accompagnamento delle persone, relazioni con le istituzioni e le comunità cristiane, riunioni di équipe con gli altri volontari. A tutti i volontari si chiede competenza e aggiornamento, garantiti da corsi di formazione e da incontri mensili di coordinamento. Fondamentale è il lavoro di rete con le istituzioni del territorio, le altre realtà di solidarietà sociale, le associazioni, ecclesiali e non, le comunità cristiane.

I dati 2019

Durante il 2019 nei 34 Centri d’Ascolto della Diocesi si sono presentate 7.270 persone di cui 5.404 sono state prese in carico, 1.865 sono state le persone che hanno ricevuto solo informazioni veloci o che non hanno accettato o non hanno potuto seguire un progetto di promozione sociale. Le persone aiutate anche con un contributo economico sono state 3.795, il 70,2% del totale delle persone prese in carico. Per tutti la presa in carico ha comportato un lavoro complessivo di coinvolgimento di risorse pubbliche e private, l’incoraggiamento all’attivazione di tutto il potenziale della persona e della famiglia anche con l’individuazione di possibilità di formazioni professionali.
Rispetto allo scorso anno il numero delle persone aiutate anche economicamente è diminuito del 6,7%. La diminuzione è un dato comune a tutte le regioni ecclesiali italiane dove, mediamente, è stata del 10% circa. Questo non significa che la povertà sia diminuita: il numero delle persone prese in carico rimane molto elevato. In uno Stato che non cresce demograficamente, anche lo zoccolo duro del disagio sociale non può aumentare più di tanto. Ma parallelamente si osserva che non è diminuito il numero medio degli ascolti per persona e il tempo dedicato a ciascuno: mediamente 4,5 ore di ascolto all’anno per persona, escluse eventuali attività di distribuzione o di colloqui con assistenti sociali. Ciò può significare che non è diminuita la gravità delle situazioni.
La ripartizione per voci di spesa è sostanzialmente uguale a quella degli anni precedenti. L’uscita per il sostegno all’abitare (affitto, amministrazione, utenze) è pari al 65,6% del totale delle uscite: il problema alloggiativo è la principale fonte di disagio economico delle famiglie.

L’anagrafica delle persone ascoltate

Quest’anno, per la prima volta, gli uomini hanno superato le donne con il 50,2% delle presenze. 10 anni fa la presenza maschile raggiungeva appena il 30%: dal 2007, anno in cui si intende l’inizio della crisi economica, ha cominciato a crescere significativamente. Le persone straniere sono il 49% circa e la loro presenza non è mai stata superiore al 50%. Di questi il 4,6% è costituito da persone anziane. Le persone anziane, sul totale delle persone ascoltate, sono poco meno del 12%. Molte di queste chiedono aiuto per i figli. Il 91% delle persone ha un carico familiare, spesso figli adulti e disoccupati.

Le richieste e i bisogni rilevati

Le richieste più frequenti presso i Centri di Ascolto riguardano l’aiuto economico per il pagamento di utenze/affitti e lavoro. Si è osservata anche una crescente rinuncia alle cure mediche non strettamente necessarie, come il dentista o la fisioterapia. La fragilità psicologica delle persone, purtroppo, è sempre più rilevata, talvolta in modo veramente grave e risulta uno degli ostacoli più ingombranti per poter fare, in rete con le risorse del territorio, un progetto di promozione sociale della persona.